Lettera di ringraziamento consegnata personalmente a Roma ad Andrea Camilleri dal suo amico Pasquale Aliffi

All’Illustrissimo Prof.
Andrea CAMILLERI
S.P.M.


Gentile Professore,

Per quel poco che potrà valere, da orgoglioso Siciliano quale io sono, La ringrazio per il Suo apprezzatissimo intervento sulle perforazioni della Panter Oil nella Val di Noto, Patrimonio dell’umanità.

La Sua intervista è stata quella che ha ridato ancora più forza alle tante voci che nel passato avevano manifestato contro questo scempio di cecità burocratica che non tiene conto di un territorio che ha fatto la scelta di vivere di turismo.

Grazie ancora Professore e, nella speranza di averLa con noi almeno in una delle prossime manifestazioni di protesta, Le invio cordiali saluti dalla terra Sud Orientale Sicula.

Marzamemi (SR) 12.6.2007

Cav. Pasquale ALIFFI
Pubblicata da: Pasquale Aliffi il 16-06-2007 16:34 in Lettere

Lascia il tuo commento
Tommaso - 18-06-2007 12:03:24 Tommaso
L'articolo pubblicato dal quotidiano il manifesto il 16 giugno 2007 che allego lascia pensare che la faccenda non sia ancora finita.

Saluti
Tommaso

«I texani lasciano il Val di Noto». Ma è un bluff

L'annuncio di Cuffaro: la Panther oil ha rinunciato al petrolio. Molti ci cascano, ma la società precisa: solo in un'area limitata
Cinzia della Valle
Palermo

Dopo l'accordo (ma la partita è ancora aperta) sui termovalorizzatori, Totò Cuffaro ci riprova, scegliendo ancora una volta Palazzo Chigi per il suo effetto-annuncio, approfittando della presenza di Romano Prodi: la Panther Oil, la società texana pronta a disseminare pozzi petroliferi e gas in giro per la Sicilia sud-orientale, «ha rinunciato a scavare nel Val di Noto», zona dove insiste il vincolo dell'Unesco. Apriti cielo.

Dopo tre anni di polemiche e scontri politici, dal centrodestra, ma anche da pezzi del centrosinistra e da Legambiente seppure con qualche sospetto, il coro di soddisfazione è stato unanime, con tutti a cantar vittoria. Persino il ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio ci è cascato, definendo quella di Cuffaro «un'ottima notizia», e con lui i Camilleri boys, quanti hanno aderito all'appello contro le trivelle nel Val di Noto che lo scrittore nei giorni scorsi ha lanciato dal sito di la Repubblica.

C'ha pensato la stessa Panther Oil a spiegare come stanno le cose. In realtà nella lettera inviata al Corpo regionale delle miniere la società comunica di rinunciare a scavare nella città di Noto nuova e antica, con annessa buffer-zone. In totale, una ottantina di chilometri quadri su una superficie complessiva destinata alle ricerche petrolifere di 746 chilometri quadri. Su Noto la rinuncia è relativa ad appena 21 chilometri.

Insomma, come dire che la società non scaverà nel giardino della città barocca o sotto la cattedrale, quella che Prodi e Cuffaro inaugureranno lunedì, con il comitato «No Triv» pronto a dare loro il benvenuto.

E' sempre la Panther Oil a chiarire che si tratta di un'area «dove comunque non sarebbero mai state effettuate trivellazioni». La società insiste: «E' improprio definirla rinuncia: negli ultimi due anni abbiamo più volte detto che non avremmo certo scavato sotto la Cattedrale di Noto, né nella zona considerata patrimonio dell'Unesco».

E aggiunge: «Purtroppo nessuno ci ha mai creduto, sostenendo che fino a quando avevamo i permessi di trivellare in quelle aree il rischio permaneva. Ma il permesso riguarda soltanto la perimetrazione, per scavare avremmo dovuto ottenere una serie di autorizzazioni e licenze che difficilmente comuni e altri enti ci avrebbero rilasciato». Un modo diplomatico per ammettere che la lettera al Corpo delle miniere è stata quasi una cortesia politica.

A spegnere i facili entusiasmi è ancora una volta la Panther Oil, con un annuncio vero: se entro l'8 luglio non saranno presentate osservazioni alla richiesta di valutazione d'impatto ambientale (Via), la società metterà in funzione le trivelle nell'area di Ragusa. La procedura, infatti, prevede sessanta giorni di tempo per la deposizione delle osservazioni, scaduti i quali scatta il principio del silenzio-assenso. Quello di Ragusa potrebbe essere il primo dei 21 pozzi previsti nella zona.

Dopo l'annuncio di Cuffaro, il comitato «no triv» ieri sera si è riunito proprio a Noto per discutere di eventuali iniziative di lotta. «Quello che è successo ha dell'incredibile - dice Salvatore Moscuzza del comitato - Forse qualcuno temeva che la Panther poteva trivellare sotto la cattedrale o nella spiaggia di Vendicari? La storia della rinuncia è un falso».

Il braccio di ferro tra la Panther e gli ambientalisti va avanti da tre anni, da quando la Regione siciliana rilasciò alla società le concessioni per la ricerca petrolifera, autorizzando le trivellazioni nell'area, parte della quale è patrimonio dell'umanità. La polemica, mai sopita, è stata rilanciata dall'appello di Andrea Camilleri.

«Salviamo il Val di Noto», ha scritto su Repubblica il padre del commissario Montalbano, «terra di inestimabili capolavori del tardo barocco». Dopo l'intervento dello scrittore la Panther Oil ha parlato di «linciaggio mediatico».

L'unica voce fuori dal coro degli entusiasti è Rita Borsellino: «Se fosse vera la rinuncia alle trivellazioni in Val di Noto sarebbe una vittoria delle comunità locali, ma considerate le notizie contrastanti, per evitare delusioni dopo l'entusiasmo, Cuffaro farebbe bene a chiarire come stanno le cose».
Pasquale Aliffi - 18-06-2007 14:23:00 Pasquale Aliffi
Voglio precisare che la lettera che ho consegnato ad Andrea Camilleri è datata 12 giugno e riguarda solo il ringraziamento verso questo nostro corregionale che con la sua intervista ha fatto da grande eco alla problematica. L'annuncio di Cuffaro è del 13 o 14 giugno.

Per quanto riguarda il commento del nostro amico dico che ho letto qualcosa anch'io di gente che è diffidente, forse per natura. La Panter Oil oltre al sito della Val di Noto aveva richiesto le autorizzazioni anche in altre parti della Sicilia. Quello che ha deciso di mollare è stato il sito per cui tanti nella nostra terra si sono battuti per farli recedere. E grazie a Dio così è stato (almeno speriamo!!).

Saluti - Pasquale Aliffi
Pasquale Aliffi - 22-06-2007 12:03:27 Pasquale Aliffi
Ieri giovedì 21 giugno a Noto c'è stata una riunione fra il Comitato contro le trivellazioni nella Val di Noto con il Sindaco di Noto Corrado Valvo. Affinchè anche lui si convincesse che quanto pubblicato dai giornali circa la volontà della Panter Oil in definitiva era quasi una bufala. Non hanno espressamente detto che andranno via dalla Val di Noto ma che non perforeranno dove ci sono siti patrimonio dell'Unesco. Pertanto trivelleranno ugualmente dalla nostre parti. Durante tale riunione a Noto, stando io a Roma, ho favorito la messa in contatto del presidente del Comitato ed il Sindaco Valvo con Andrea Camilleri alle ore 17.30. Camilleri effettivamente sospettava qualcosa e ha richiesto al Sindaco di Noto della documentazione per capire meglio la questione e pensare, dopo, alla possibilità di fare un'altra intervista per evidenziare la bufala.
Vedi www.comitatopromarzamemi.it
Cordiali saluti - Pasquale Aliffi
Pasquale Aliffi
Pasquale Aliffi
Cerca su PachinoGlobale.net