Emozione per il "Commissario Livia"

Emozione per il "Commissario Livia" Anche la dottoressa Silvestra Sorbera ha partecipato alla quattordicesima edizione della Fiera Internazionale del Libro di Torino.
Il suo primo libro, intitolato “Commissario Livia” è stato esposto presso lo stand della casa editrice (Gruppo editoriale Albatros “Il Filo”) riscuotendo un discreto successo.

Il giallo della dottoressa Sorbera si rifà ad eventi tragici del panorama italiano accendendo le luci sulla vita dei giovani d’oggi. La storia per certi versi drammatica e cruenta vuole far riflettere,cercando si strappare al lettore anche qualche sorriso.

Dottoressa com’è stata quest’esperienza?
Strana ma bella. Gli anni scorsi visitavo la fiera da comparsa, quest’anno l’ho vissuta da semi-protagonista.

Molti hanno definito il suo libro più una scenografia che un racconto vero e proprio. Le sembra un’affermazione veritiera?
Si adatta bene ad entrambe le definizioni. Ci sono poche descrizioni questo fa si che il lettore possa muoversi con l’immaginazione nel tempo e nello spazio. Allo stesso tempo la lettura veloce e snella consente di finire il testo in breve tempo senza dover stare troppo attenti ai dettagli.

Potrebbe nascere qualcosa di più?
Adesso è troppo presto per dirlo.

Il taglio quasi giornalistico che ha dato al testo riesce a farlo arrivare ad un pubblico molto vasto. Il suo target sono i giovani o no?
No, non ho un target ben preciso. Il fatto che la storia sia molto attuale fa si che il testo venga letto da persone appartenenti a diverse fasce d’età. E’ ovvio che essendo i protagonisti del testo molto giovani forse è più facile per i ragazzi misurarsi e confrontarsi con questo tipo di storia.

Molti si sono chiesti perché Livia non ha un compagno? Effettivamente siamo abituati a vedere donne in divisa vedove, come il Commissario Scalise di “Distretto di polizia” oppure sposate come l’ispettore Stella Morini di “Ho sposato uno sbirro”…
Al momento Livia è single e credo lo resterà per un po’. Magari se quest’esperienza porterà buoni risultati potrebbe anche innamorarsi

Di un collega?
Forse. O potrebbe restare single a vita.







Ufficio stampa
Nives Berraso
nives.berraso@libero.it
388/7682179
Pubblicata da: Nives Berraso il 18-05-2009 17:33 in Comunicati

Lascia il tuo commento
Rosario Spinello - 19-05-2009 00:55:50 Rosario Spinello
Io metto la sigla...quando si parla di emozioni non si può non offrire le nostre...Sempre moltalbanamente parlando...si intende...

Con molti auguri...alla Silvestra...che spero abbia colto il lato dialettico sull'oggetto del nostro passato confronto...che devo dire ho molto apprezzato...e di questo la ringrazio molto...
saluti cordiali,Spiros



Nives Berraso
Nives Berraso
Cerca su PachinoGlobale.net