Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

in
Utente Password
  Commenti

Democrazia diretta o rappresentativa?


 Leggi la notizia      Aggiungi il tuo commento

Ci sono attualmente N° 2 commenti per questa news

I commenti sono di proprietà dei legittimi autori,
che ne sono anche responsabili.

 Caruso Marco ha scritto:01-03-2009 16:12:12
Sarei ben lieto di poter approfondire il confronto su queste tematiche di persona ma purtroppo devo declinare il tuo invito per una impossibilità, fisica, di essere lì presente in quanto, per motivi di studio, mi trovo oramai da qualche mese fuori dalla sicilia.
Questo sito rimane una delle poche fonti di informazione sugli avvenimenti del mio paese, grazia al quale cerco di farmi un'idea circa gli ipotetici sviluppi della questione politica cittadina!
Segnala Abuso

 Luca Infante ha scritto:27-02-2009 22:40:23
Luca InfanteDiceva Max Webar sociologo che improntava i suoi ragionamenti sull' agire dell' individuo:"Ogni istituzione in nessun caso si basa sul consenso, il consenso è solo apparente. Ogni istituzione si basa sull'imposizione ossia alcuni uomini proclamano una situazione come valida e altri individui si conformano ad essa."
Il Principio che metti in discussione tu caro Marco," La democrazia diretta " in realtà non esiste e non potrà mai esistere perchè gli uomini hanno un carattere intenzionale e dotato di senso e oriantato a delle motivazioni.
Per cui l'obbedienza è dettata dalla relazione di autorità cioè dal fatto che gli individui assumono il volere dell' altro come se fosse il proprio.
Noi individui agiamo perchè assegniamo ad una situazione una validità. Questa validità è però nella nostra Pachino presa di mira dai "VECCHI VOLPONI" una validità MALATA in quanto si basa su delle credenze che non hanno un volere corrispondente a quello che questa gente proclama.
Io me ne sento responsabile e penso che è anche colpa mia e di tutti quelli che non sono riusciti a proclamare un volere nuovo e capace di formare un' istituzione che sia strutturata nei vertici di un partito.

Il partito di oggi per me non è un partito come non lo sarebbe per Weber, perchè è diventato un' organizzazione dettata dal principio tradizionale e si accede ad esso per virtù santificata dalle origini.

Il partito invece dovrebbe mirare alla selezione dei capi e dei LEADER capaci di instaurare una relazione di autorità nei confronti dei cittadini i quali si sentono in dovere di obbedire.

Detto questo Marco, io voglio ritornare a noi.
Il mio discorso che ho fatto prima di riferisce al fatto che io ho fiducia come non mai nel sistema Legale e dei partiti, ma quando vedi che il mondo gira al contrario io non trovo quale migliore soluzione quella di fare della mia persona e di altre persone sane un "unione di persone" e voglio cercare di non abbandonare il mio volere e quello della gente che incontro e mi dice ma quando facciamo qualcosa Gianluca?

Io ti dico una cosa fino a quando noi parleremo in "POLITICHESE" non risolveremo niente perchè l'istruzione e la cultura ammesso che questo lo sia, è un MEZZO per arrivare al fine che la buona condotta delle persone e soprattutto deve servire a mio parere per la guida di tutti gli altri che non sanno dove andare.

Io ti reputo una persona intelligente ma penso anche che per fare politica bisogna collaborare e non atteggiarsi come il capo di tutti, non che tu faccia questo ma penso che noi dobbiamo prendere parte a degli incontri e vederci se tu vuoi per confrontarci a 4 occhi.

Io ti dico subito che mi sto organizzando con altri giovani per parlare e dire la nostra e confrontarci con gli occhi e non solo ma anche con i fatti se riusciremo a proclamare un volere e delle strade in comune.
Tramite lo schermo di un computer si può fare tanto per i "POCHI INTERESSATI O MEGLIO CURIOSONI DI COSA STA SUCCEDENDO"dobbiamo essere svegli perchè se non facciamo nulla di concreto allora avremmo dato spunto a qualche furbetto del quartiere che proverà a schiacciare la tua motivazione a fare qualcosa in base al principio della natura umana conflittuale di Hobbes.

Tu se mi inviti a qualche tua iniziativa tua io vengo e ti do la mia parola, il confronto è una cosa nobile che arricchisce io sarò un giorno felice di vedere delle persone che almeno hanno delle capacità ma non di certo sono contento oggi di vedere le stesse facce, gli stessi discorsi, e le stesse promesse IMPOSSIBILI.

Mi fermo, e con molta ammirazione verso le tue parole ti auguro di avere un futuro in politica.

Saluti Gianluca
Segnala Abuso