Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

in
Utente Password
  Commenti

La proposta dimenticata!


 Leggi la notizia      Aggiungi il tuo commento

Ci sono attualmente N° 10 commenti per questa news

I commenti sono di proprietà dei legittimi autori,
che ne sono anche responsabili.

 Andrea Infante ha scritto:10-02-2009 20:19:46
Andrea InfanteEccomiBuonasera, con i miei commenti e con le mie opinioni non intendevo e non intendo offendere o denigrare nessuno.

Ho cercato solamente di esprimere un opinione generica su come si potrebbe operare per un cambiamento.

Se con questo articolo da me pubblicato e con i relativi commenti si è fraintesi, beh non ci siamo sicuramente capiti.

Non era mia intensione.
Saluti.
Segnala Abuso

 Pasquale Aliffi ha scritto:10-02-2009 19:13:34
Pasquale AliffiSono in servizio nella Marina Militare da quasi 36 anni e mi appresto ad andare in pensione nella prima metà dell'anno 2009. Nel 2001 ho promosso la nascita del Comitato Pro Marzamemi. Nel 2003 ho promosso la nascita dell'Associazione Promozionale Sud Orientale Sicula. Nel 2007 ho promosso la nascita del Centro Commerciale Naturale di Marzamemi. Un consorzio fra commercianti e semplici interessati al turismo. Nel 2007 ho promosso la nascita dell'Associazione Autonomia Pachinese con cui si vuol provare a togliere una piccola parte del territorio a Noto. il 29 dicembre 06 sono stato nominato Cavaliere della RepubblicaAndrea. Nessuno vuole farti cambiare le tue idee. E nemmeno voglio annebbiare la vista di chicchessia. Ognuno si tiene le proprie idee. Io ho soltanto espresso le mie senza trascendere in affermazioni al limite della diffamazione così come hai fatto tu. Pasquale Aliffi
Segnala Abuso

 Daniele Buggea ha scritto:10-02-2009 18:02:46
Daniele BuggeaIo di turno alla MisericordiaCaro Andrea, non do mai niente per scontato " lezione di vita", non è detto che trovi una persona disposta a dedicare tutto il suo tempo a fare volontariato al comune, anche se la cosa non è impossibile, però... no si può dare per scontato. Poi, io non sto cercando di aggirare un bel niente, dico solo che se mi venisse proposto di fare il sindaco a zero lire non potrei accettare, io ho una famiglia e la mia famiglia non è disposta a fare la fame per salvare il comune, non so la tua, ma la mia proprio non potrebbe vivere senza il mio contributo. Si, esistono persone a Pachino che sicuramente hanno la possibilità di farlo, magari sono già pensionati o magari stanno bene economicamente, quindi non avrebbero problemi ad amministrare a zero lire. Poi non te la prendere con i consulenti e gli esperti che sono stati convocati dai sindaci passati, appunto sono stati convocati a fare il loro lavoro, naturalmente essendo professionisti hanno le loro parcelle, chi li ha convocati lo sapeva, hanno fatto solo quello che gli è stato chiesto di fare, se non era il caso, visto le grosse parcelle, doveva essere il sindaco a dire " cari professionisti scusate il distrurbo ma proprio non possiamo permetterci certe somme". Sulla volontà di cambiamento non sò ke dirti, sicuramente c'è, ma a mio pare nessuno riuscirà a fare buone cose per questa città, almeno che lo stato non paghi i debiti di Pachino e riporti quindi in verde il conto corrente, allora si potrà iniziare a fare dei programmi, ma così come siamo messi solo un bel dissesto può salvarci. Andrea, quel Ps. che fai... credimi c'è poco da annebbiare...
Fraternamente, Daniele Buggea.
Segnala Abuso

 Andrea Infante ha scritto:10-02-2009 10:10:45
Andrea InfanteEccomiCaro Daniele, mi sembra ovviamente scontato che si possa rinunciare totalmente alle indennità di carica perchè lo fanno già decine e decine di comuni "TRUFFATI" in Italia.

Adesso non cerchiamo di raggirare le cose chiedendosi come debba campare il sindaco e la sua famiglia. Non è mica obbligatorio candidarsi a sindaco! Chi ha il tempo, la capacità e la volontà onesta di fare si faccia avanti gratuitamente.

Io sono convinto che uno lo troveremmo e piuttosto buono direi.

La verità è che il nostro comune è stato tartassato di spese idilliache, tra consulenze, esperti, che tutto sono tranne che esperti, spese a non finire consulenze ecc... e il solito tam tam si vuole ripetere nuovamente.!

La mentalità è sempre la solita! Si afferma la volontà di cambiamento e il giorno dopo si ragiona peggio di come si ragionava prima. Ma!!!

Mi spiace dirlo ma io denoto questo.

PS: Daniele, attento a non farti annebbiare la vista da affermazioni con il doppio senso!

Saluti.
Andrea Infante
Segnala Abuso

 Daniele Buggea ha scritto:09-02-2009 22:55:31
Daniele BuggeaIo di turno alla MisericordiaVedo molto più giusta la proposta del Sign Aliffi, vabbò che il comune ha bisogno di fondi, ma togliere alla propria famiglia tempo e denaro mi sembra esagerato, sto povero sindaco dovrà pur "campare". Se non erro, l'amministrazione Cammisuli, del vicino comune di Portopalo, ha adottato questa formula e sembra che abbia funzionato.
Ps. Rimango sempre molto preoccupato per la sorte dei pachinesi, non sò come andrà a finire dopo che un nuovo sindaco siederà nella sala dei bottoni, esiste altro metodo oltre alle "super tasse" per risolvere la questione debiti fino sopra al collo???
Segnala Abuso

 Pasquale Aliffi ha scritto:09-02-2009 20:17:25
Pasquale AliffiSono in servizio nella Marina Militare da quasi 36 anni e mi appresto ad andare in pensione nella prima metà dell'anno 2009. Nel 2001 ho promosso la nascita del Comitato Pro Marzamemi. Nel 2003 ho promosso la nascita dell'Associazione Promozionale Sud Orientale Sicula. Nel 2007 ho promosso la nascita del Centro Commerciale Naturale di Marzamemi. Un consorzio fra commercianti e semplici interessati al turismo. Nel 2007 ho promosso la nascita dell'Associazione Autonomia Pachinese con cui si vuol provare a togliere una piccola parte del territorio a Noto. il 29 dicembre 06 sono stato nominato Cavaliere della RepubblicaRispondo alla tua precisa domanda Saro. Premetto prima che ho dichiarato che prossimamente vorrò collaborare a titolo gratuito con il nuovo Sindaco così come faccio da diversi anni (a parte gli ultimi due di Campisi in cui mi veniva negato). Pertanto la risposta che segue non può essere presa come di parte.
Io sono a favore del dimezzamento delle indennità di carica e non dell'annullamento. Spiego il mio pensiero. Ogni amministratore avrà il suo lavoro (pubblico o privato), avrà sicuramente del tempo da togliere alla famiglia, avrà continuamente delle telefonate da fare per il suo ruolo, dovrà continuamente fare il pieno alla sua auto per motivi che riguardano la macchina comunale. Il momento che qualcuno di questi si infastidisce per le eccessive spese da togliere alla propria famiglia ed il momento che decide di non fare la tal telefonata o di non andare in un certo posto a risolvere una problematica a sue spese, bene, in quel momento abbiamo fatto un danno alla macchina comunale. Ritengo, invece, che un dignitoso rimborso spese equivalente al dimezzamento di tutte le indennità di carica possa stimolare i volenterosi politici a fare il bene della comunità e di contro chi vede nella politica l'ufficio di collocamento si allontanerà correndo.
Pasquale Aliffi
Segnala Abuso

 Rosario Spinello ha scritto:09-02-2009 17:09:25
Rosario Spinellola mia foto, anno 08Caro Pasquale,
guarda che a dimezzarle ha già provveduto la legge regionale...Qui la proposta è quella di azzerarle...La questione era già stata posta da me in uno dei miei commenti...Come vedi anch'io posso scrivere lo avevo detto per primo..ma è un gioco a cui non voglio partecipare poichè per me parlano i fatti e gli articoli che puntualmente posso allegare..a quasi tutte le discussioni in campo...Vedi" costruire notizie" con qualche buon amico che si presta a questo teatrino, per poi fare i commenti è un giochetto che abbiamo già "sgamato" da molto tempo...Sai che ti dico...che partecipare è bello...ma non rendersi conto che a volte la eccessiva partecipazione sortisce ad un effetto contrario a quello che si vorrebbe ottenere è una realtà lapalissiana di cui ti prego di tenere conto...

allora ti rifaccio la domanda: Tu sei per l'azzeramento delle idennità di carica o vuoi mantenere quello che la regione ha predisposto come legge nei comuni siciliani???
Io sono per l'azzeramento totale delle idennità di carica e che la politica torni libera da lacci e lacciuli e da premi di concorso che in un contesto cosi degradato(ma non è il solo ,per fortuna, ma qui si è arrivati ad altezze incommensurabili...dobbiamo ammetterlo) diventano" il palio" o se vuoi la "cuccagna" da raggiungere...per moltissimi..



cordiali saluti,Spiros
Segnala Abuso

 Andrea Infante ha scritto:09-02-2009 14:23:00
Andrea InfanteEccomiCaro Pasquale, condivido quanto da te espresso solo ed esclusivamente nel momento in cui questa tua affermazione venga redatta come punto principale del nuovo programma della città. Sarà una scelta ampiamente accettata da tutta la cittadinanza, credimi.
Non serve fare nessun sondaggio, non copiamo le cose sciocche e banali fatte solo per riempirsi la bocca nei prossimi comizi che si vedranno a breve.

La rinuncia all'indennità deve essere totale vista la gravità della situazione finanziaria non in una percentuale irrisoria tanto per fare "la parte" come si dice da noi.

Ovviamente il tutto deve essere poi formalizzato con apposita delibera al primo consiglio comunale e affissa su tutti i muri della città, diventando il simbolo di vera vittoria sia civile che morale.

Cito l'esempio del comune di Milena, il quale ha avuto delle vicende simili al nostro comune:

****************************************

Dal verbale della Delibera di Giunta n.79 del 25/07/2008.

Oggetto: Rinuncia all’indennità di carica del Sindaco e della Giunta Comunale.
Proponente: Segretario Comunale su indicazione del Sindaco.

<< VISTO che nel corso della competizione elettorale per il rinnovo degli Organi Istituzionali del Comune di Milena, è stato preannunciato dalla compagine politica “Insieme per il Cambiamento” “Vitellaro Sindaco”, che in caso di vittoria il Sindaco neo-eletto e la Giunta avrebbero rinunciato all’indennità di carica loro spettante, per utilizzare l’economia di spesa derivante da tale rinuncia in servizi ai cittadini; RILEVATO che la proposta di cui sopra ha riscontrato nel corpo elettorale giudizi favorevoli e positivi, atteso il successo della lista sopra citata; RITENUTO concretizzare gli impegni assunti con i cittadini di Milena attraverso un atto formale di rinuncia;

PROPONE DARE atto, con la presente, che il Sindaco e la Giunta Comunale RINUNCIANO all’indennità di carica loro spettante; STABILIRE che la somma risparmiata venga utilizzata per il miglioramento dei servizi ai cittadini.

********LA GIUNTA COMUNALE AD unanimità di voti; D E L I B E R A APPROVARE la suindicata proposta di deliberazione e DICHIARA il presente atto immediatamente esecutivo.

*****************************************
Ipariamo a guardare le cose buone della politica!!!

CAMBIARE E' POSSIBILE BASTA SEMPLICEMENTE IMPEGNARSI E SACRIFICARSI.

Saluti.
ANDREA INFANTE
Segnala Abuso

 Pasquale Aliffi ha scritto:09-02-2009 12:59:25
Pasquale AliffiSono in servizio nella Marina Militare da quasi 36 anni e mi appresto ad andare in pensione nella prima metà dell'anno 2009. Nel 2001 ho promosso la nascita del Comitato Pro Marzamemi. Nel 2003 ho promosso la nascita dell'Associazione Promozionale Sud Orientale Sicula. Nel 2007 ho promosso la nascita del Centro Commerciale Naturale di Marzamemi. Un consorzio fra commercianti e semplici interessati al turismo. Nel 2007 ho promosso la nascita dell'Associazione Autonomia Pachinese con cui si vuol provare a togliere una piccola parte del territorio a Noto. il 29 dicembre 06 sono stato nominato Cavaliere della RepubblicaCarissimo Andrea. Hai toccato un punto importante. Tanti sono quelli che si muovono soltanto per le campagne elettorali per provare ad accaparrarsi quella "ambita" indennità di carica. Ti posso assicurare (e penso che mi crederai) che quando è stata fatta la prima riunione per la nascita del coordinamento del futuro PDL di Pachino una delle prime cose discusse è stato proprio questo. "Dimezzare tutte le indennità di carica della politica" è stato detto da tanti in quella riunione.
Ribadito oggi da un giovane mi soddisfa molto. Perchè, specialmente alcuni giovani, hanno preso la politica come un ufficio di collocamento. Mettere in atto tutto ciò renderebbe meno appetibile "l'affare" facendo avvicinare alla vera politica soltanto quelli che hanno veramente intenzione di sacrificarsi per la comunità.
Cordiali saluti - Pasquale Aliffi
Segnala Abuso

 Salvatore Ruscica ha scritto:09-02-2009 11:28:18
Salvatore RuscicaSaluti a tutti gli abituali frequentatori di questo sito, nonostante consulti da parecchio questo sito credo che sia giunto il momento di registrarmi e far sentire la mia voce adesso, in un momento così delicato per la nostra adorata città; condivido appieno il pensiero dell'amico Andrea, proviamo in questo modo, rinunciando alle indennità, chi effettivamente vuole impegnarsi per risollevare le sorti della città, non sarebbe una novità nel panorama amministrativo comunale nazionale, già altre giunte hanno adottato questo tipo di provvedimento, per esempio Sgarbi a Salemi, non che Sgarbi mi sia simpatico, ma dobbiamo riconoscergli questo merito. inziamo quindi con la rinuncia alle indennità, vorrei vedere chi davvero accetti di amministrare senza l'appoggio di sua maestà il denaro, e poi perchè non si prova a rendere il bilancio e gli affari amministrativi del comune pubblico e trasparente? in modo da rendere partecipi tutti i cittadini alle vicende di palazzo di città

cordiali saluti Salvatore Ruscica
Segnala Abuso