Pachino Globale - Blog Sociale di informazione partecipata - Notizie, Foto, Video - Comunità Web

Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

in
Utente Password
  News Utenti

Comunicati


Una riflessione del Dott. Nello Lupo sul dibattito tra l'arch. Capodicasa e il consigliere Dott. Bruno


PACHINO - I toni di Iano Capodicasa sono fortemente critici ma non personali, le sue argomentazioni non tutte condivisibili ma lecite e vanno rispettate. La risposta del consigliere Roberto Bruno appare stizzita, come sono stizzite tutte le repliche dei politici (di qualunque colore) quelle rare volte che il loro operato viene criticato da semplici cittadini. E allora cerchiamo di riportare il dibattito entro i confini del confronto civile e dialettico sulle cose da fare e sui problemi del paese. Sono l’ultimo che può difendere l’operato di questo sindaco. Ma faremmo un cattivo servizio alla verità, quella storica e non quella politica di parte, se misconoscessimo che la crisi ha radici lontane e solo in parte ascrivibili (in proporzione agli anni) all’attuale A. C..

Ricordiamo tutti che l’amministrazione Latino si dissolve a pochi mesi dalla sua elezione; che la crisi dell’amministrazione Adamo fu coperta e oscurata dalla tragica prematura fine di Mauro; e che dire dei 54 assessori nominati dal sindaco Barone che, è vero, durò cinque anni, ma non fu mai nelle condizioni di amministrare; per non parlare della fine del governo locale di Peppe Campisi, anch’esso di brevissima durata e buttato “giù dalla torre” proprio da chi lo candidò e lo fece eleggere, oggi tocca a Paolo Bonaiuto. Il tutto ovviamente condito da scontri anche di tipo giudiziario, come mai ci è stato dato di assistere nella storia di Pachino che noi conosciamo, quella degli ultimi 50 anni per intenderci.

Dunque, a nessuno può sfuggire che, almeno gli ultimi tre lustri di vita politica locale ci consegnano un PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...PAESE ORMAI IN AGONIA...

Pensiamo che non ci sia politico locale che possa dimostrare, con i fatti e non a parole, di non avere rapporto di figliolanza ma anche di paternità con questa sub-cultura locale, per cui ci viene in mente un vecchio proverbio siciliano che mi sembra un ben vestito per i signori della “casta” senza distinzione di colore e geografia: il loro motto è “fai come ti dico io ma non fare come faccio io”.

Cordiali saluti
Nello Lupo
Categoria:  Comunicati Inserita il: 01-11-2011 17:52:05
Letta: 839 volte Utente: Corrado Modica
Commenti: 0  Commenta questa notizia 
Chiavi: capodicasa bruno dibattito adamo barone campisi latino bonaiuto politica agonia legalità crisi nello lupo
Segnala Abuso