Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

in
Utente Password
  News Utenti

Comunicati


Revoca dei fondi al Consorzio Igp: si tratta di azioni vendicative in vista delle elezioni


PACHINO - Ci lasciano sopresi e amareggiati le dichiarazioni rilasciate alla stampa recentemente dal sindaco del Comune di Pachino, Paolo Bonaiuto, che avrebbe intenzione di revocare il contributo previsto nel bilancio 2013 per finanziare un progetto di promozione del Consorzio Igp e di “spalmarlo” come contributo alle aziende agricole per l’acquisto di carburante.

Certamente non siamo contrari ad aiuti alle aziende del settore, che ancora oggi con grande sacrificio rappresentano il punto di forza del nostro territorio. Certo è che questo suo improvviso interesse ci pare quantomeno tardivo, considerando che giunge a tre mesi dal prossimo appuntamento elettorale. Una tempestività che risultadunquesospetta e, oltretutto, inefficace. Se, come risulta dagli appositi elenchi, nel settore agricolo a Pachino operano circa 1.500 aziende, il contributo previsto si aggirerebbe intorno ai 130 euro ciascuna: una cifra del tutto trascurabile di fronte alle enormi spese che ogni giorno le aziende del settore devono affrontare.

D’altra parte il Consorzio si ritiene, a fronte di un bilancio già approvato, seriamente danneggiato dal ripensamento del sindaco. Dopo la chiusura della manovra finanziaria, infatti, il Consorzio aveva preso degli accordi con un’agenzia pubblicitaria di Roma per investire il contributo in un’iniziativa che desse risonanza nazionale al Pomodoro Igp di Pachino e al suo territorio, traducendo in operazioni di marketing concreto quegli auspici di promozione integrata del prodotto e del territorio che tante volte abbiamo sentito esprimere dalla classe politica, salvo poi rimanere relegati alle buone intenzioni. La campagna di promozione e marketing a cui ci riferiamo, era stata concordata con lo stesso Bonaiuto e la sua amministrazione, da cui avevamo ricevuto non solo l’approvazione e il pubblico plauso, ma un appoggio incondizionato ed entusiasta rispetto alla portata e dell’incidenza del progetto stesso.

A fronte delle motivazioni sopra espresse è di tutta evidenza che non si tratta di un ripensamento fondato su valutazioni tecniche, bensì di un’azione vendicativa di ritorsione alla luce dell'impegno personale (e non del consorzio) nell'ambito del neonato Movimento sociopolitico “Cambiamenti”.

A fronte di questi impegni stipulati con l’agenzia romana Roncaglia &Wijkander, premiata come migliore agenzia italiana nel 2013, daremo mandato ai nostri legali di approfondire la questione per chiedere un adeguato risarcimento danni.
Inoltre, immaginando che ci sia un briciolo di coerenza a guidare le azioni e le considerazioni del sindaco Bonaiuto, ci aspettiamo che egli vada fino in fondo al suo disegno perverso, revocando il contratto di comodato dei locali destinati a sede del Consorzio.


Il Presidente
Sebastiano Fortunato

Il Direttore
Salvatore Chiaramida
Categoria:  Comunicati Inserita il: 10-02-2014 20:55:36
Letta: 1002 volte Utente: Corrado Modica
Commenti: 0  Commenta questa notizia 
Chiavi: revoca fondi consorzio igp azioni vendicative elezioni bonaiuto fortunato chiaramida cambiamenti
Segnala Abuso