Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

in
Utente Password
  News Utenti

Comunicati


Questo sindaco e amministrazione non meritano nulla!


PACHINO - Giovedì 14 marzo si doveva svolgere il consiglio comunale per discutere ed approvare l’adesione del Comune di Pachino alla campagna SEE (Sustainable Energy Europe) e il conseguente Patto dei Sindaci. Ma arrivati in aula abbiamo constatato che l’amministrazione non aveva la maggioranza numerica ed il numero legale c’era solo in virtù dei consiglieri dell’opposizione.

In altre circostanze, con un altro sindaco e un’altra amministrazione (cioè in un’altra città) saremmo rimasti tranquillamente in aula per discutere e votare il provvedimento: ma l’appello alla responsabilità fatto dall’assessora all’ecologia (e cioè rimanere in aula e consentire l’approvazione della proposta di delibera) è stato fuori luogo ed offensivo delle intelligenze delle persone.

Questa amministrazione infatti non merita nulla!
Perché in quasi quattro anni di amministrazione sono stati sempre i primi ad essere irresponsabili, abbandonando più volte i lavori d’aula e mai approvando una proposta dell’opposizione.

Quanti emendamenti abbiamo proposto in tutti questi anni (al bilancio, al piano triennale delle opere pubbliche)!

Quante proposte avanzate!

Quante volte abbiamo chiesto la revoca di deliberazioni già adottare che impegnavano somme ingenti dal bilancio comunale e li destinavano a spese clientelari!

Mai una volta la maggioranza ha accolto anche una sola delle nostre proposte, preferendo rispondere con l’arroganza dei numeri e bocciare qualsiasi proposta dell’opposizione.

Che venga ora l’assessora all’ecologia ad invocare senso di responsabilità mi fa proprio ridere ed indignare al tempo stesso.

La responsabilità, cari colleghi di maggioranza, non si mostra solo con i voti disciplinati in aula durante le sedute dei consigli comunali, ma si dimostra con i fatti: mediante il coinvolgimento dell’opposizione nelle principali scelte che riguardano la città e mediante un dialogo che questo sindaco non ha mai voluto e saputo costruire con l’opposizione (e direi con la città stessa).

Ecco perché abbiamo preferito abbandonare i lavori d’aula dopo che la maggioranza ha bocciato la mia proposta di slittare la seduta del consiglio a lunedì per consentire a tutta la maggioranza di essere presente in aula, incluso il Sindaco ed il vicesindaco (assenti nella seduta del 14 marzo).

Entrando nel merito della proposta di delibera, poi, vanno aggiunte un paio di riflessioni.

La campagna europea e l’adesione al Patto dei Sindaci (senz’altro meritevole) prevede entro il 2020 il conseguimento degli obiettivi “20%+20%+20%”, e cioè: abbattimento del 20% delle emissioni di CO2, incentivare del 20% l’efficienza energetica ed incentivare del 20% l’utilizzo di energie rinnovabili.

Ma la proposta di deliberazione dell’amministrazione è in aperta controtendenza con quanto fatto sinora dall’amministrazione pachinese, perché ogni singola scelta, ogni singola decisione, la gestione di ogni singolo servizio comunale è stato tutt’altro che improntato al risparmio, né energetico né economico.

E potrei citare alcuni casi, esemplificativi della condotta di questa amministrazione a partire dal bel modo di abbattere le emissioni di CO2 da parte di un’amministrazione che non ha avuto la volontà di garantire il riscaldamento delle scuole lasciando in pieno inverno i bambini al gelo!

Sugli incentivi del 20% dell’efficienza energetica va rimproverato che ad oggi non è stata assunta alcuna decisione da parte dell’amministrazione in tal senso, nonostante nelle linee guida al PRG presentai la proposta di incentivi economici e sgravi fiscali per chi costruisce in modo eco-compatibile.

Per non parlare dell’incentivo del 20% dell’utilizzo delle energie rinnovabili, per cui la domanda sorge spontanea: come fate visto che ha di fatto avete svenduto i lastrici solari delle scuole pubbliche? E perché sistematicamente avete bocciato la mia proposta di emendamento al Piano Triennale delle Opere Pubbliche in cui chiedevo di investire sul fotovoltaico nei tetti comunali?

Ma secondo voi a che servivano quelle proposte se non ad incentivare proprio l’utilizzo delle energie rinnovabili?

Per non parlare della totale disattenzione nei confronti del rapporto fra rifiuti ed energia. Perché anche la questione dei rifiuti contribuisce al cambiamento climatico, poiché la produzione e lo smaltimento di ogni oggetto di consumo richiede preziose materie prime ed energia.
Ecco le azioni vitali per ridurre l’impatto di rifiuti su ambiente e clima:
1) limitare la quantità di rifiuti all’origine (cioè meno consumi meno imballaggi), anche attraverso una massiccia campagna di informazione pubblica;
2) massimizzare la raccolta differenziata, che però per Pachino è impallata a meno del 10% (vergognoso risultato che si commenta da sé…). Cosa intende fare l’assessora all’ecologia per migliorare la differenziata a Pachino?

Conosco molto bene cos’è la campagna SEE e il Patto dei Sindaci. Nel 2009 coordinai le attività didattiche di una winter school nazionale sul tema Sviluppo e Ambiente col patrocinio del Ministero dell’Ambiente, in cui ospitammo le lezioni di Antonio Lumicisi, coordinatore per l’Italia della campagna SEE (un suo saggio poi è stato anche pubblicato nel libro da me curato con Lina Scalisi “Sviluppo e Ambiente. Contributi per una nuova stagione di ricerca”, Sciascia editore, 2012).

Avrei votato favorevolmente alla proposta di adesione del Comune di Pachino, anche se va sottolineato e precisato che il nostro comune non ha nulla della sostenibilità energetica ed ambientale: per riprovevoli comportamenti collettivi; per totale disinteresse verso questo argomento da parte di questa amministrazione; per il totale fallimento delle iniziative in materia ambientale assunte da questa amministrazione; per la totale, infine, insensibilità politica ed amministrativa sino ad oggi adottata da questo sindaco e da questa amministrazione.

Non sarà certamente questa delibera ad assegnare la palma della sostenibilità ambientale a questa città. Perché dopo questa delibera ci vorranno azioni concrete che l’amministrazione dovrà adottare tempestivamente, e ci vorranno scelte coraggiose. Tutte cose che temo rimarranno pie intenzioni, come tante altre mancate promesse di questo Sindaco.

Ecco perché questo sindaco e questa amministrazione non meritano proprio nulla!

Roberto Bruno
Categoria:  Comunicati Inserita il: 16-03-2013 23:06:56
Letta: 623 volte Utente: Corrado Modica
Commenti: 0  Commenta questa notizia 
Chiavi: see sustainable energy europe patto dei sindaci assessora ecologia opere pubbliche delibera prg rinnovabili
Segnala Abuso