Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

in
Utente Password
  News Utenti

Comunicati


Programma Politico di Paolo Bonaiuto


Una nuova fase politica
per una nuova Pachino

Programma Amministrativo 2009

del candidato a Sindaco Paolo Bonaiuto
dei Partiti e delle Liste Civiche che lo sostengono
in vista delle Elezioni Amministrative del 6 e 7 giugno 2009

Risanamento
Finanza pubblica
Lotta all’evasione totale e parziale. Razionalizzazione della spesa corrente del Comune di Pachino. Risparmi sull’energia elettrica e sugli altri costi fissi. Risparmi dal nuovo appalto della Nettezza Urbana e dalla riattivazione della discarica comunale dei rifiuti. Messa a regime del recupero dei costi di urbanizzazione. Autoriduzione o, se necessario, totale rinuncia -per il reinvestimento in piccole opere di manutenzione urgente, iniziative per il turismo e la cultura- alle indennità di carica di Assessori e del Presidente del Consiglio. Cancellazione del gettone di presenza dei Consiglieri Comunali. Riduzione al minimo degli incarichi dirigenziali.

Nel dettaglio

1. Revisione degli elenchi dei contribuenti con il ricorso a tutte le fonti d’informazione per l’individuazione degli evasori.
2. Revisione delle voci di spesa corrente del bilancio comunale, individuazione di doppioni, spese superflue.
3. Inventario dei beni di recente acquisizione e degli immobili del Comune. Risparmi dall’utilizzo di beni immobili di proprietà del Comune, riducendo quelli in locazione, nonché la vendita di quei beni inutilizzati e inutilizzabili.
4. Impiego dei pannelli solari fotovoltaici negli edifici di proprietà del Comune e degli uffici comunali.
5. Applicazione progressiva delle lampade a risparmio energetico nelle strade; studio di fattibilità dei lampioni ad energia solare.
6. Nuovo appalto della N.U. con l’eliminazione dalle voci d’appalto dei costi di derattizzazione, disinfestazione, cura del verde pubblico, gestione del depuratore e con vincoli stringenti sulle modalità di raccolta (ricorso massiccio alla differenziata, previsione del controllo sulle operazioni di scarico nei rispettivi siti; possibilità di raccolta senza l’utilizzo massiccio dei cassonetti, con risparmio in termini di costi di pulizia manutenzione sostituzione).
7. Revisione dei canoni fognari e idrici in funzione di una fiscalità solidale per le fasce deboli (anziani, indigenti, etc.)
8. Messa a regime della discarica: utilizzazione del finanziamento della BCC di Pachino già deliberato;
9. Recupero dei costi di urbanizzazione non pagati; deliberazione dei pagamenti rateali con agevolazioni in caso di pagamenti immediati.
10. Autoriduzione o, se necessario, totale rinuncia -per il reinvestimento in piccole opere di manutenzione urgente, iniziative per il turismo e la cultura- alle indennità di carica di Assessori e del Presidente del Consiglio: gli amministratori devono dare il buon esempio;
11. Cancellazione del gettone di presenza dei Consiglieri Comunali.
12. Riduzione al minimo degli incarichi dirigenziali (vedi infra).


Funzionamento ed immagine
Immediata riconfigurazione della struttura organizzativa del Comune, previa suddivisione in sole quattro grandi aree d’intervento (Territorio, Personale e Risorse, Sviluppo umano, Sviluppo economico). Revisione della dotazione organica in funzione degli obiettivi di economicità ed efficienza. Informatizzazione e rete di comunicazione fra i servizi per l’abbattimento dei costi e dei tempi della burocrazia interna ed esterna. Sburocratizzazione dei servizi. Nuovo sito del Comune di Pachino, dotato di servizi accessibili on-line. “Presidi comunali” nei quartieri periferici cittadini ed a Marzamemi per avvicinare l’Ente alla gente.

Nel dettaglio

1. Suddivisione in sole quattro grandi aree d’intervento (Territorio, Personale e Risorse, Sviluppo umano, Sviluppo economico) dell’apparato comunale e contestuale riduzione delle posizioni dirigenziali ed apicali.
2. Revisione della dotazione organica in funzione degli obiettivi di economicità ed efficienza.
3. Con il personale verrà avviato un processo di rilevazione ed analisi delle procedure come intervento propedeutico alla informatizzazione e gestione in rete di tutte le attività Comunali alfine di consentire un flusso ordinato, costante ed in tempo reale delle informazioni e delle attività.
4. Formazione costante del personale nel rispetto dei bisogni della p.a. e delle attitudini;
5. Nuovo sito del Comune di Pachino:
• Servizi accessibili on-line (certificati a costo zero ed a costi prepagati, studio della possibilità di una tessera prepagata dei servizi);
• Promozione culturale e turistica del territorio;
• Stradario e mappe on.line, con l’indicazione dei percorsi di interesse turistico, enogastronomico, storico; dei servizi (farmacie di turno etc.);
• Indicazione delle deliberazioni: l’Albo pretorio on.line.
6. “Presidi comunali” nei quartieri periferici cittadini ed a Marzamemi per avvicinare l’Ente alla gente. Vigile di quartiere.
7. Informazioni turistiche.
8. Adozione, in un ottica aziendale, della certificazione di qualità per la qualità dei servizi e delle attività municipali, con l’indicazione dei parametri precisi di qualità che vogliamo raggiungere e mantenere nel tempo.

Sviluppo

Uscire dal sottosviluppo
Ritorno al funzionamento e programmato allargamento pluriennale della discarica degli inerti. Sistemazione e manutenzione urgente delle principali e più trafficate vie cittadine. Progressivo passaggio alle altre vie in ordine d’importanza e traffico. Interventi d’urgenza sul serbatoio pensile e sulla rete idrica interna ed esterna. Progettazione ed appalto della vasca a servizio della rete idrica di Marzamemi. Collaborazione istituzionale per la realizzazione dell’acquedotto in c.da Granelli.

Nel dettaglio

13. Messa a regime della discarica: utilizzazione del finanziamento della BCC di Pachino già deliberato, con la possibilità di utilizzo per due anni;
14. Allargamento pluriennale della discarica degli inerti: previsione nel triennale delle opere pubbliche di piccoli ampliamenti “a regime”, sufficienti alle esigenze del nostro Comune; in alternativa e nel lungo periodo: progressiva riconversione dei processi di raccolta e trasporto in funzione del ricorso ad eventuali termovalorizzatori o rigassificatori che dovessero sorgere in provincia;
15. Sistemazione e manutenzione urgente delle principali e più trafficate vie cittadine.
16. Progressivo passaggio alle altre vie in ordine d’importanza e traffico.
17. Interventi d’urgenza sul serbatoio pensile e sulla rete idrica interna ed esterna.
18. Progettazione ed appalto della vasca a servizio della rete idrica di Marzamemi: riscatto del borgo dalla rete idrica pachinese; nel lungo periodo studio di fattibilità e progettazione di eventuali dissalatori;
19. Realizzazione dell’acquedotto in c.da Granelli: studio di fattibilità e potenziamento delle condutture già posizionate; nel lungo periodo studio di fattibilità e progettazione di eventuali dissalatori;
20. Via la vergogna del ponte in via XXV Luglio.

Liberare lo sviluppo
Dar vita ad una equipe di studio e progettazione che si occupi: di monitorare i bisogni, mediante il contatto con gli operatori di ogni settore; di individuare le soluzioni; di presentare i progetti da far finanziare agli Enti preposti. Favorire gli investimenti infrastrutturali: la piscina comunale; il parco urbano; Rapporto sinergico con la Provincia Regionale per le strade extraurbane d’impatto sul traffico veicolare e di trasporto urbano. Favorire la riconversione parziale della nostra economia in economia turistica. Favorire lo “sviluppo dell’anima”: un altro fuoco culturale e turistico estivo da affiancare al Cinema di Frontiera; Istituzionalizzare le giornate di studio e le iniziative su Vitaliano Brancati; Supporto e contorno culturale e spettacolare agli eventi religiosi.

Nel dettaglio

1. Studio di progressiva ristrutturazione ed abbellimento dei cortili;
2. Sollecitare ed attenzionare la Provincia Regionale di Siracusa relativamente alla viabilità esterna civile e rurale;
3. Costruzione delle rotatorie agli ingressi della città;
4. Ampliamento del Cimitero comunale;
5. Sistemazione dei locali di via Rattazzi da adibire alla Biblioteca Comunale ed ad Uffici del settore Sviluppo umano;
6. Copertura atrio della Pinacoteca per una migliore fruizione della stessa;
7. Completamento iter dei progetti P.I.T. (Piani Territoriali Integrati).
8. Completamento dell'iter per la costruzione degli attendamenti della protezione civile.
9. Completamento dell'iter per la costruzione della piscina comunale coperta.
10. Predisposizione dei piani di recupero per le zone di diffusa edificazione abusiva lungo le coste
11. Revisione regolamento idrico
12. Produrre il massimo sforzo al fine di ottenere un veloce collegamento con l'autostrada: collaborazione e vigilanza sul progetto di bretella;
13. Pulitura delle spiagge con possibilità di realizzare attrezzature e servizi, anche da parte dei privati, per una migliore fruizione delle stesse;
14. Apertura del Parco pubblico in contrada Cozzi;
15. Individuazione e realizzazione di un area attrezzata per sport equestri, ippoterapia a petterapia;
16. Completamento dell'impianto pubblico di illuminazione anche delle zone periferiche;
17. Revisione del piano della circolazione stradale interna cittadina;
18. La riconversione parziale della nostra economia in economia turistica.
19. Va previsto con il Cinema di Frontiera un secondo appuntamento, a metà o a fine estate, di elevato spessore culturale, tale da costituire attrattiva ulteriore per un turismo d’elite;
20. Le iniziative su Vitaliano Brancati vanno stabilizzate, valorizzando ed imitando esperienza già presenti altrove (vedi Agrigento con Pirandello);
21. Gli eventi religiosi non vanno lasciati “da soli”: vanno pensate ed eseguite iniziative culturali e di contorno.
22. Potenziamento degli asili nido con gli strumenti di legge;
23. Servizi e gli interventi che ne conseguono, concepiti, strutturati e mirati a favorire il mantenimento della famiglia attraverso la collaborazione del privato sociale;
24. L'assistenza domiciliare costituisce il riferimento principale della risposta al bisogno assistenziale a livello territoriale, nell'obiettivo di evitare il ricovero tradizionale in strutture protette da patte di soggetti con problemi di non auto sufficienza.
25. Assistenza abitativa, sanitaria e mediazione culturale per gli extracomunitari e per i comunitari di lingua straniera;
26. Centro per la cultura giovanile: un punto di riferimento, l’evoluzione ed espressione creativa e positiva dei giovani.
27. Laboratori della memoria per anziani e bambini: l'incontro e il dialogo tra le generazioni costituisce uno dei punti di maggiore vuoto nell'attuale momento storico e sociale.
28. La città dei bambini e dei ragazzi è al tempo stesso la denominazione di una città che vuole essere viva e vivace ed il marchio di un modello urbanistico che la renda vivibile alle generazioni più giovani.
29. Promozione e valorizzazione della pratica sportiva come strumento indiretto di tutela della salute; come mezzo educativo e di socializzazione. Per queste ragioni coprogetteremo e pianificheremo i nostri interventi in accordo con le associazioni.
30. Una delle realizzazioni più importanti è il Polo fieristico promozionale da realizzare in apposita area che sarà individuata nel PRG: una proposta fieristica e promozionale permanente dei nostri prodotti e servizi, dei prodotti tipici locali, sia dell'agricoltura che dell'artigianato e del turismo, per mettere a regime una visione concreta e sistematica di quello che i nostri operatori producono.
31. Al suo interno è possibile prevedere la Fiera dell'ortofrutta a sostegno del comparto produttivo agricolo del nostro territorio e dei prodotti tipici della zona.
32. Comunque, intendiamo promuovere, continuativamente, nell'arco dell'anno ed a seconda delle stagioni i prodotti della zona, con eventi e iniziative che possano favorire il più ampio richiamo degli operatori del settore e dei cittadini valorizzando la piazza V. Emanuele;
33. Predisposizione, di concerto con altre amministrazioni comunali limitrofe e con il coinvolgimento della Provincia e della Regione di un'indispensabile "vademecum agricolo" che illustri e aggiorni l'imprenditore agricolo sulle più importanti novità
34. Promozione di gemellaggi agricoli con altre città anche europee e transnazionali;
35. Avvicinare i cittadini al settore primario attraverso la creazione di percorsi coordinati con un gruppo di fattorie didattiche allo scopo attrezzate per visite, escursioni e percorsi tematici.

Territorio

Il Perimetro Urbano e la pianificazione di massima
Prendere posizione sul P.R.G. con interventi dell’Amministrazione e mozioni del Consiglio Comunale volti a controllare ed orientare il lavoro del Commissario ad acta a suo tempo nominato. Con tale metodologia, previa una grande conferenza sul territorio, ripensare lo sviluppo urbano e produttivo ed il risanamento ambientale in termini di maggiore vivibilità oltre che di economicità. In tale contesto ripensare le vie di comunicazione fra settori del territorio comunale.

Nel dettaglio

1. Revisione del Piano Regolatore: orientare il lavoro del Commissario ad acta a suo tempo nominato;
2. Indicazione ed individuazione delle aree artigianali e commerciali;
3. Una grande conferenza sul territorio: concertare il territorio ed il P.R.G., rispetto per l’esistente e per le reali vocazioni e potenzialità territoriali;
4. Marketing territoriale e creazione di un marchio d'area da veicolare con apposite iniziative promozionali e mediatiche;
5. Redazione del Piano Regolatore del porto di Marzamemi;
6. Redazione dei piani particolareggiati delle contrade;


Non una pattumiera, ma neanche una bomboniera
Diciamo un forte no alle mega discariche, ma pianificheremo in termini di più anni la crescita minima progressiva dell’attuale discarica di Coste S. Ippolito. Forte azione politica per la revisione dei perimetri delle zone SIC e ZPS e, in generale, di tutti i vincoli ambientali sul territorio di Pachino; revisione dei confini del centro storico.

Il ruolo delle contrade
Effettivo riscatto del territorio di Marzamemi fino alla c.da Bove Marino. Pianificazione pluriennale ed annuale e progressiva messa a regime dei servizi primaverili ed estivi nella frazione di Marzamemi. Contrade Granelli, Chiappa, Scarpitta e Costa dell’Ambra: approvazione dei piani di zona; interventi di pulizia straordinaria, recupero e riqualificazione della fascia costiera anche con fondi europei; prevenzione di rimedi contro l’erosione delle coste; programmazione e reperimento finanziamenti per la realizzazione di una piazzetta in c.da Granelli; piano per la realizzazione di docce, servizi ed accessi al mare; toponomastica delle vie delle contrade marine.

Nel dettaglio

Marzamemi

1. Il grande disagio della frequente mancanza di fornitura idrica nel periodo estivo diventa difficile da sostenere per i residenti ed è un cattivissimo biglietto da visita per i turisti: sopra si è evidenziata una soluzione di breve periodo, la vasca per rendere autonomo il borgo, ed un’altra possibile (i dissalatori) per il futuro;
2. L’attuale impianto fognario risulta ormai inadeguato ed inefficiente. E’ imprescindibile un intervento di manutenzione preventiva che tamponi momentaneamente il problema, ma da non trascurare, è la necessità di studiare idonei progetti per una sua soluzione definitiva come il raddoppio della rete fognaria;
3. E’ ormai cosa nota il disagio che nei periodi di maggior afflusso turistico nasce a causa di una disorganizzazione della viabilità nella piccola frazione di Pachino. Vanno anzitutto destinate opportune aree di parcheggio nelle zone limitrofe ed una ordinata circolazione atta ad evitare gli ingorghi ed i parcheggi selvaggi che fin oggi si sono regolarmente verificati.
4. Si nota facilmente la difficoltà che i residenti in tali zone devono affrontare a causa dei trasferimenti degli stessi dal comune di Pachino a quello di Noto. Oltre al malcontento degli interessati, è da non trascurare la perdita economica, e non solo economica, che il paese di Pachino deve accettare se non si prenderanno opportuni provvedimenti mirati a riannettere tale territorio alle originali destinazioni. da qui la nostra idea di un effettivo riscatto del territorio di Marzamemi fino alla c.da Bove Marino.

Granelli, Chiappa, Scarpitta e Costa dell’Ambra e Torrefano

5. Interventi di pulizia straordinaria, recupero e riqualificazione della fascia costiera anche con fondi europei;
6. Riduzione della tassa di smaltimento dei rifiuti per le case delle c.de dall’80% al 50%;
7. Prevenzione di rimedi contro l’erosione delle coste; continuo monitoraggio dell’arenile e dei fondali;
8. Pulizia dei canali dei pantani; prevenzione delle esondazioni;
9. Miglioramento della viabilità e della sicurezza stradale;
10. Ripristino ed ampliamento dell’impianto di illuminazione;
11. Programmazione e reperimento finanziamenti per la realizzazione di una piazzetta in c.da Granelli;
12. Piano per la realizzazione di docce, servizi ed accessi al mare;
13. Toponomastica delle vie delle contrade marine di Pachino.
14. Viabilità, illuminazione e servizi igienici in contrada Torrefano
Categoria:  Comunicati Inserita il: 27-05-2009 21:35:06
Letta: 1865 volte Utente: Enzo Trobia
Commenti: 0  Commenta questa notizia 
Chiavi: programma amministrativo paolo bonaiuto sindaco
Segnala Abuso