Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

in
Utente Password
  News Utenti

Segnalazioni


Il PD a sostegno della cultura pachinese


tratto dal blog del Partito Democratico sezione di Pachino ( http://pdpachino.it.../ )

Il Partito Democratico di Pachino risponde alle critiche mosse da Pintaldi al consigliere Bruno, a cui chiediamo di lasciarci il compito di replicare a questi tristi comunicati. Intendiamo precisare anzitutto che il lavoro svolto dal nostro rappresentante in consiglio comunale, è espressione dell’ intero partito. Il quale partito, appunto, nell’ambito della propria visione di quella che dovrebbe essere una corretta amministrazione, ha formulato gli emendamenti al bilancio e le contestuali corrette valutazioni politiche.

Tali emendamenti e critiche hanno suscitato, non soltanto la paura di un’amministrazione che ha scelto di nascondersi e non ha avuto il coraggio di ragionare sulla qualità e quantità delle nostre proposte, ma anche la discesa in campo dei lanzichenecchi culturali.

Con uno stravagante comunicato, infatti, il portavoce di un festival foraggiato dall’attuale destra pachinese, dopo avere abbondantemente pasteggiato a sinistra, ergendosi, con sprezzo del senso del ridicolo, a portavoce del sindaco, replica, e non si capisce a che titolo, alla meritoria operazione di opposizione politica del partito e del suo consigliere Bruno. Noi non intendiamo scendere a polemiche sterili che non ci interessano e che non interessano soprattutto i pachinesi perché sviliscono il dibattito politico. A noi interessano gli interessi collettivi, il bene comune, non quello di “singoli”.

La “strumentalizzazione politica” di cui favoleggia il novello censore è quella che esprime egli stesso, anche se non comprendiamo a quale fine, ed è quella di un’amministrazione che si nasconde e rifiuta il dialogo ed il confronto. Forse perché deve nascondere tutti i mugugni e le insoddisfazioni interne ad una coalizione il cui collante sono soltanto gli incarichi e gli assessorati. E nell’ultimo consiglio ne abbiamo avuto contezza. Quanto alla cultura, tanto sbandierata dal signor Pintaldi, leggendo il bilancio, abbiamo rilevato che al capitolo di riferimento, erano stati destinati solo 5000 euro, per tutta la città di Pachino. Ci siamo sentiti moralmente e politicamente in obbligo nei confronti dei cittadini di preparare un emendamento di spesa al bilancio per portarlo a 18.000 euro. Per i libri, per la pinacoteca, per il coinvolgimento dei giovani.

La cifra stanziata dall’amministrazione è semplicemente vergognosa.

La platea, del resto, non si confonderà per nulla, quando vedrà i propri soldi destinati ai pochi amici, per feste e festini, e poco o nulla per l’agricoltura, il turismo e le attività produttive, come commercio e artigianato. Desideriamo inoltre precisare che il palmento di Rudinì è già stato inaugurato due o tre anni fa. Tra l’altro si parla di un’opera che è appena caduta in braccio a Bonaiuto senza che egli abbia mosso un dito. Aspettiamo di vedere come saranno spesi i fondi destinati al 250° e al Festival del cinema, perché pur essendo favorevoli ad essi, ne chiederemo una rendicontazione precisa e puntuale visto che si tratta di soldi dei pachinesi e poi esprimeremo i nostri giudizi finali.

Fare cultura in un paese non è certo soltanto quello di scrivere numeri su un bilancio. Bisogna attuare politiche di sostegno e attenzione, di salvaguardia delle zone che costituiscono il nostro patrimonio storico come la zona Cugni o Marzamemi, per le quali è necessario elevare il livello di attenzione e di denuncia.

Noi siamo fieri di lavorare per la nostra città e non siamo mossi da interessi particolari, a nessuno di noi sono assegnati incarichi, o finanziamenti, o chissà cos’altro.

Chiediamo, dunque, ai Pintaldi di turno, che sempre si affacceranno alla ribalta come difensori non richiesti, di astenersi e di discutere con noi soltanto quando sarà chiaro il loro ruolo. Se dobbiamo parlare di politica abbiamo bisogno di soggetti politici, se dobbiamo fare chiacchiere non c’è bisogno che costoro si scomodino, andremo al bar in piazza, dove stagionano i nostri amministratori.

Marco Lao

Fonte:
http://pdpachino.it/2010/04/28/il-p.../
Categoria:  Segnalazioni Inserita il: 28-04-2010 23:01:17
Letta: 432 volte Utente: Corrado Modica
Commenti: 0  Commenta questa notizia 
Chiavi: pd partito democratico cultura bruno pintaldi cinema di frontiera palmento di rudinì
Segnala Abuso