Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

in
Utente Password
  News Utenti

Comunicati



PACHINO - “Tocca a te”: con questo slogan che sintetizza il proposito di coinvolgimento dei più giovani, è stato inaugurato stamane il primo dei tre anni del progetto “Centro Giovanile-Sportello Informagiovani” presso la sala dei soci della Banca di Credito Cooperativo di Pachino.

Fortemente voluto dal sindaco Paolo Bonaiuto e dall’assessore al ramo Tony Cirinnà e coordinato dalla cooperativa Leonardo, il progetto prevede uno svolgimento triennale di cui stamane è stata resa nota la programmazione della prima annualità. Alla presenza di tutti i partner del progetto Assunta Rizza, ideatrice e coordinatrice dello stesso, ha sottolineato come le molteplici attività previste siano state studiate appositamente per coinvolgere i ragazzi degli istituti superiori: ”Crediamo che questo progetto in una città come la nostra rappresenti un importantissimo passo in avanti perché focalizza la sua attenzione proprio sui giovani non solo come fruitori di servizi, ma soprattutto come tessere fondamentali della nostra società. Per questo spero che il coinvolgimento giovanile sia forte e risponda con entusiasmo alle nostre proposte”.

Soddisfatto l’assessore Tony Cirinnà, che ha sottolineato che un progetto del genere ha una forte valenza sociale ma anche politica: ”Con queste iniziative vogliamo formare dei cittadini più consapevoli e pronti ad esercitare pienamente il proprio ruolo nella nostra città”. Ed è proprio sul senso di appartenenza e di partecipazione che hanno puntato gli interventi del vicepresidente della Banca di Credito Cooperativo Franco Lao e del presidente del Consorzio Igp Pomodoro di Pachino Sebastiano Fortunato, che hanno messo a disposizione tre borse di studio per la redazione di progetti di ricerca su alcuni aspetti sociali, economici e comunicativi del Comune pachinese:”Non dobbiamo sempre lamentarci che a Pachino non c’è nulla- ha detto Lao-: è vero, per alcuni aspetti viviamo in delle condizioni oggettive di disagio. Ma progetti come questi possono valorizzare delle realtà che invece operano con tenacia e successo anche nella nostra città, facendone apprezzare gli aspetti propositivi”.

“Crediamo che sia nostro dovere in quanto rappresentanti dell’eccellenza agricola pachinese- ha aggiunto Fortunato- aprirci ai giovani come interlocutori per idee e progetti che consentiranno loro di esplorare aspetti nuovi del mondo del lavoro, da quello del marketing a quello della comunicazione. Il nostro prodotto è sempre più apprezzato nel mondo e, come tutta l’agricoltura pachinese, necessita di figure professionali che sappiano lavorare verso obiettivi sempre più ambiziosi”. Il progetto è stato accolto con grande entusiasmo dai dirigenti scolastici del Bartolo e del Calleri, Vincenzo Pappalardo e Antonio Ferrarini, entrambi convinti che “la scuola oggi non debba più rappresentare solo il luogo del sapere e della formazione, ma soprattutto il momento propulsivo di un modo nuovo di lavorare che consiste nel fare rete e sinergia”, oltre che dal dirigente del settore comunale dei Servizi Sociali Nicola Campo, che sta lavorando alla sua realizzazione.

Nella seconda parte della conferenza la parola è passata ai partner operativi, ciascuno dei quali realizzerà una delle azioni previste nel programma: Francesco Tagliaferro, responsabile dello Sportello Informagiovani che dalla prossima settimana sarà attivo in via Lucio Tasca 60 ogni giovedì dalle 17 alle 20, ha spronato i giovani a usare queste esperienze come strumento di crescita, mentre don professor Giuseppe di Rosa, responsabile del Centro di Mediazione di Noto ha delineato gli argomenti degli incontri che svolgerà nelle scuole. In conclusione Vincenzo Spadaro, psicologo e musico terapeuta ha illustrato il progetto “Dipende da che dipende”, che svolgerà con la psicologa Antonella Tavera riguardo alle tematiche della dipendenza e il sommelier Walter Guarrasi ha invitato i ragazzi presenti a partecipare al corso di avvicinamento al vino “Wine lover”.


Alle iniziative illustrate che si svolgeranno secondo un percorso concordato, si aggiungerà quella relativa ai “Network dell’esperienza e dell’eccellenza” in cui, con appuntamento mensile, i ragazzi incontreranno imprenditori, professionisti e studiosi del territorio con cui si confronteranno sulle esperienze positive legate al mondo del lavoro.

Le date di svolgimento delle attività e le modalità di partecipazione al bando per le Borse di Studio saranno comunicate attraverso appositi incontri nelle scuole e saranno pubblicati sulla pagina Facebook “Centro Giovanile Sportello Informagiovani Pachino”.
Categoria:  Comunicati Inserita il: 09-01-2014 14:08:20
Letta: 599 volte Utente: Corrado Modica
Commenti: 0  Commenta questa notizia 
Chiavi: inaugurazinoe progetto centro giovanile sportello informagiovani bonaiuto cirinnà rizza cooperativa leonardo
Segnala Abuso