Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

 in  
Utente Password
  News dai giornali

Cronaca


«Le scuole accorpate? Un vero tradimento»


«Le scuole accorpate? Un vero tradimento»Il problema del dimensionamento scolastico e degli istituti in reggenza per il prossimo anno è stato l'oggetto del confronto svoltosi tra i dirigenti scolastici, i rappresentanti della casa municipale e un comitato di genitori. «Abbiamo voluto quest'incontro - ha affermato in rappresentanza dei genitori Deborah Figura - per fare il punto sulla situazione. Oggi ci ritroviamo con un nuovo assetto che al Verga, per esempio, vede sottratti cinque insegnanti su otto, perché trasferiti in altri istituti. I sacrifici non sono serviti a salvare i quattro istituti comprensivi di Pachino. Avevamo accettato, infatti, che alcuni alunni e alcune classi fossero assegnati ad altra scuola, proprio per preservare l'autonomia. Ora però ci troviamo a confrontarci con un quadro in cui siamo stati penalizzati su tutto il fronte». I genitori parlano di lesione della continuità didattica e di venuta meno dei punti di riferimento nel campo educativo, specialmente per ciò che riguarda la scuola dell'infanzia dove il rapporto insegnante-genitore è molto stretto. «Siamo delusi e rammaricati - ha concluso la rappresentante dei genitori -, e la nostra delusione è dovuta al venir meno degli equilibri che erano stati assicurati.

Come genitori ci sentiamo parte integrante della scuola e dunque abbiamo la necessità di manifestare il nostro dissenso». Poi è stata la volta dei dirigenti scolastici. Per il preside Morana dell'istituto comprensivo «Verga», la politica non ha aiutato a spingere sulla questione, con un avvicendamento di assessori che è risultato poco opportuno. «Se sin dall'inizio si fosse optato per avere tre istituti comprensivi senza insistere per il quarto, il ridimensionamento sarebbe stato più razionale e meno drastico - ha affermato Morana -. E' inutile che la politica chieda i nostri pareri tecnici per poi assumere altre decisioni. Ora è necessario pensare al futuro». Per il dirigente Giovanni Vaccarisi dell'istituto «Sgroi», che ha avuto numerosi «innesti» in termini di classi senza che questo sia servito a salvarne l'autonomia, «i giochi sono ormai fatti e non è possibile piangere sul latte versato. Il tentativo di salvare lo Sgroi con le classi degli altri istituti si è trasformato quasi in un'elemosina di studenti, quando invece è necessario che le istituzioni scolastiche siano trattate in maniera uniforme». Giovanni Dilorenzo, dirigente del «Brancati» ha poi affermato: «il problema è fare i conti con le risorse economiche e i trasferimenti sempre più risicati». A promettere battaglia per salvare l'autonomia dell'istituto «La Ciura» di Portopalo è stato il preside Sebastiano Spiraglia che, d'accordo con le istituzioni comunali e con i genitori, si è detto pronto a combattere in tutte le sedi per salvare l'autonomia della sua scuola, «essendo inconcepibile che un Comune autonomo non debba avere una scuola autonoma».

Salvatore Marziano
Categoria:  Cronaca Inserita il: 06-06-2012
Letta: 784 volte Fonte: LaSicilia.it
Commenti: 0  Commenta questa notizia 
Chiavi: scuola dimensionamento dirigenti verga insegnanti sgroi brancati la ciura sacrifici istituti comprensivi