Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

 in  
Utente Password
  News dai giornali

Politica


La Regione vuol cacciare il sindaco


La Regione vuol cacciare il sindacoPer non aver presentato le relazioni annuali, l'Assessorato regionale alle Autonomie locali ha avviato un procedimento contro il primo cittadino pachinese, Paolo Bonaiuto, che rischia anche la rimozione dalla carica. L'ufficio ispettivo della sezione Vigilanza e controllo enti locali della Regione ha inviato un avviso in cui si accerterebbero violazioni tali da giustificare anche la rimozione del sindaco. Bonaiuto, che puntava ad arrivare al «semestre bianco» di novembre, momento in cui non potrebbe più essere presentata la mozione di sfiducia nei suoi confronti, potrebbe vedere la fine anticipata del suo mandato per decisione regionale. Un colpo a sorpresa, come nei migliori gialli d'autore, a meno di un anno dalla conclusione naturale della consiliatura. La vicenda è sorta in seguito ad alcuni esposti inviati alle autorità regionali dal consigliere di opposizione Roberto Bruno, il quale ha segnalato la mancata presentazione delle relazioni annuali e sull'attività degli esperti da parte del primo cittadino.

La Regione ha chiesto risposte agli uffici comunali circa la presentazione delle relazioni del sindaco. La serie di documenti spedita a Palermo, relativa al triennio 2009-2011, è stata vagliata dai competenti organi regionali. «Dalla verifica degli atti trasmessi - si legge nel documento firmato da Margherita Rizza, responsabile del servizio dell'assessorato regionale - si evidenzia che il sindaco ha presentato, dal momento del suo insediamento, una sola relazione, nel novembre del 2010, che riguarda, oltretutto, un arco temporale di diciassette mesi. Di gran lunga superiore a quello previsto». A parte il primo anno e mezzo, dunque, non ci sarebbero altre relazioni del sindaco. «Non ritenendo di accogliere - prosegue la lettera arrivata da Palermo - le controdeduzioni fornite, si confermano i motivi di censura evidenziati e le violazioni accertate e contestate». Un passaggio che porterebbe alla rimozione del sindaco o alla sospensione.

SERGIO TACCONE
Categoria:  Politica Inserita il: 08-06-2013
Letta: 808 volte Fonte: LaSicilia.it
Commenti: 0  Commenta questa notizia 
Chiavi: regione sindaco procedimento rimozione carica bonaiuto roberto bruno relazioni esperti violazioni