Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

 in  
Utente Password
  News dai giornali

Cronaca


In migliaia per dire no alla Tarsu


PACHINO - Pachino ha detto un forte e chiaro no all'aumento della tassa sui rifiuti solidi urbani. La città ha gridato la sua posizione di dissenso con una colorata e partecipata manifestazione svoltasi sotto un sole cocente che non ha scoraggiato i tanti cittadini, i pensionati, i bambini ed i commercianti a partecipare al corteo. Tante, anzi tantissime, le bandiere delle tre confederazioni sindacali sventolate, unite in una iniziativa a difesa della gente comune, ma molti anche i cartelloni di protesta preparati dai privati cittadini. Il corteo è partito come previsto da piazza Indipendenza, percorrendo via Garibaldi. Al passaggio dei manifestanti gli operatori commerciali hanno abbassato le saracinesche dei loro esercizi commerciali, unendosi alla protesta. Poi i manifestanti sono arrivati in piazza Vittorio Emanuele cuore della città, ed infine hanno raggiunto la casa municipale dove una delegazione ha chiesto di parlare con il sindaco Giuseppe Campisi.

Ed al comune gli animi sono apparsi tutt'altro che sereni. I manifestanti hanno dovuto attendere non poco prima che la delegazione fosse ricevuta dal sindaco, ed i cittadini sono rimasti sotto il sole cocente in attesa che i tre segretari delle confederazioni sindacali Antonio Armone, Franco Bartolo e Corrado Nastasi fossero ricevuti unitamente ad altri rappresentanti di associazioni e di cittadini. Un incontro, quello con il sindaco, che alla fine ha visto scoccare scintille tra Campisi e il segretario della Cgil Armone, tanto che fra i due sono volate parole grosse. I sindacati hanno presentato al sindaco un documento, con cui è stato richiesto anche l'intervento del Prefetto, al fine di ottenere la revoca immediata della determina sindacale con cui la tariffa è stata aumentata in maniera esorbitante. Il primo cittadino, dopo avere ascoltato gli interventi, ha replicato, opponendo il suo netto diniego. Un «non possumus» quello di Campisi giustificato dal fatto che i costi per lo smaltimento della spazzatura sono cresciuti enormemente, e necessitano di essere in qualche modo coperti. «I cittadini protestano perché sono disinformati o informati in maniera errata, -ha commentato Campisi- per cui la protesta è strumentalizzata». A non mancare è stata anche la partecipazione politica. Presenti numerosi consiglieri comunali ed il deputato regionale Pippo Gennuso che ha anche affermato: «L'Mpa non appoggerà mai questa giunta e questa amministrazione». Per i consiglieri comunali di opposizione, unici responsabili dell'aumento della Tarsu sono gli otto consiglieri che non consentono di sfiduciare il primo cittadino.

Salvatore Marziano
Categoria:  Cronaca Inserita il: 05-07-2008
Letta: 451 volte Fonte: LaSicilia.it
Commenti: 1  Commenta questa notizia 
Chiavi: