Home  News Utenti  Foto Utenti  Video Utenti  Notizie dai giornali  Blogga  Account  Contatti 
Inserisci News Inserisci Foto Inserisci Video
Registrati Recupera i tuoi dati Crea/Aggiorna profilo Privacy Condizioni d'uso Utenti
Siti Registrati Registra un sito Supportaci

 in  
Utente Password
  News dai giornali

Cultura e Spettacolo


Il premio «Vitaliano Brancati» a Luigi Ronsisvalle e Magdi Allam


Il premio «Vitaliano Brancati» a Luigi Ronsisvalle e Magdi AllamPACHINO - Pubblico delle grandi occasioni domenica sera al Palmento «Di Rudinì» per la cerimonia di consegna del Premio internazionale di Giornalismo «Vitaliano Brancati», giunto alla terza edizione. I riconoscimenti sono andati a Luigi Ronsisvalle, Gianni Oliva e Magdi Cristiano Allam. Il maestro Tonino Buonasera (voce e chitarra), con l'accompagnamento del flauto e del friscaletto del figlio Antonio, hanno inaugurato una serata di alto profilo culturale nel segno di Vitaliano Brancati. La figlia dello scrittore, Antonia Brancati, ha inviato dall'Inghilterra il proprio saluto. Presente, tra le autorità, anche l'ex ambasciatore dell'Albania presso la Santa Sede, Zef Bushati. Gianni Firera, presidente dell'associazione «Vitaliano Brancati», ha ricordato le precedenti edizioni del Premio, istituito nel 2005 e giunto alla sua terza edizione grazie al contributo dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Pachino, alla collaborazione della Società «Dante Alighieri» e all'impegno dei soci fondatori.

Un'iniziativa che intende ricordare la figura di Brancati giornalista, premiando personalità di primo piano del giornalismo che hanno saputo incarnare lo spirito combattivo dell' illustre pachinese. Intervenuti anche il presidente della Provincia regionale di Siracusa, Nicola Bono, e il sindaco di Pachino Paolo Bonaiuto. Presidente del Premip è lo scrittore Corrado Di Pietro che nella prolusione ha ricordato l'importanza dell'opera giornalistica di Brancati, la sua bonaria ironia, il tenace razionalismo e l'onestà intellettuale che contraddistinsero il suo impegno prima sotto la dittatura fascista, poi nel dopoguerra in una cultura divisa da opposti estremismi. I premiati 2011 sono stati scelti per quei connotati di libertà e ragionevolezza, evidenziati nel corso della loro attività professionale e del loro impegno civile. Di spessore gli interventi dei premiati per una serata che ha dato lustro, da un punto di vista culturale, al territorio pachinese.

SER.TAC.
Categoria:  Cultura e Spettacolo Inserita il: 14-06-2011
Letta: 872 volte Fonte: LaSicilia.it
Commenti: 0  Commenta questa notizia 
Chiavi: premio giornalismo vitaliano brancati lugi ronsisvalle gianni oliva magdi cristiano allam palmento rudinì